venerdì 20 aprile 2018

BaccalàFest: da BiancoBaccalà il Baccalajuolo e lo Chef stellato Paolo Gramaglia




Partito il BaccalàFest, la manifestazione itinerante alla sua seconda edizione ideata da Renato Rocco, Direttore del magazine “La Buona Tavola”, di cui si è tenuta la prima tappa presso il ristorante “Biancobaccalà” di Nino De Filippo, con un menù speciale grazie alla collaborazione tra lo chef, stella Michelin, Paolo Gramaglia e quello resident Luca Grande.


Dall’entrée al dessert il baccalà come protagonista, la proposta del noto chef, insignito della stella dalla più nota guida gastronomica, che dal 2006 è titolare del noto ristorante “President” a Pompei per il quale: “Il baccalà è un piatto della tradizione napoletana che associo al venerdì, in quanto tradizionalmente è questo il giorno della settimana in cui non si consuma carne e perciò si ricorre a piatti a base di pesce. Ho giocato sull’alternanza di sapori tra la dolcezza del baccalà e l’acidità del limone nel caso del primo piatto e con le sfere di peperoncino nel caso del secondo piatto”.




All’evento sono intervenuti Gianluca Eminente, Console dell’Islanda e titolare dell’azienda Unifrigo Gadus s.p.a., una delle maggiori aziende importatrici di baccalà nel mondo, Toti Lange, Presidente dell’“Accademia Baccalajuoli”, Tommaso Esposito, Vice Presidente” nonché giornalista enogastronomico e autore di pubblicazioni sull’argomento. 

Il menù presentato al BaccalàFest è stato una proposta gastronomica interessante e di grande qualità dove il baccalà è stato interpretato in diverse e saporite declinazioni: dal carpaccio di baccalà accompagnato da lattuga di mare fritta, perle di lime e panna fermentata, dagli gnocchi di limone con ventricelli di baccalà e cicorietta, per arrivare al cubo di baccalà su coulis di pomodoro corbarino, con sfere sia di peperoncino che di pomodoro giallo e basilico. Tutti pietanze dalle consistenze differenti che hanno dato l’opportunità ai commensali di poter saggiare la qualità del prodotto di punta del ristorante

A concludere in dolcezza, come non menzionare il semifreddo alla vaniglia in acqua di arance e mousse al baccalà con una guarnizione di cristalli di zucchero per completare il piatto.

Un dolce senza alcun dubbio originale quello realizzato a quattro mani dallo chef Paolo Gramaglia e dallo chef resident Luca Grande, degna conclusione di una cena “stellata”. 

Evento reso possibile data la forte passione della famiglia De Filippo, che porta avanti la tradizione dell’antico mestiere dei Baccalajuoli dal lontano 1791, testimoniata dalla presenza di un laboratorio dedicato alla lavorazione del baccalà proprio adiacente al ristorante.



Sono onorato -dichiara il patron Nino de Filippo- di ospitare il BaccalàFest, una manifestazione importante che non solo valorizza l’antico mestiere dei Baccalajuoli, ma che esalta uno dei prodotti più importanti della cultura gastronomica napoletana”

 





La Buona Tavola,

Via G. Porzio, Centro Direzionale, Napoli,81042, Is. G1.scala D. Int. 65

Renato Rocco Direttore Responsabile Tel. 081 18701149   Cell. 3356555595 direzione@labuonatavola.org-

 

lunedì 16 aprile 2018

Paolo Gramaglia da Biancobaccalà per il BaccalàFest Martedì 17 e Mercoledì 18 Aprile, alle ore 20:00,





Paolo Gramaglia da Biancobaccalà per il BaccalàFest
Martedì 17 e Mercoledì 18 Aprile, alle ore 20:00, BaccalàFest, presso il ristorante Biancobaccalà.
L’evento vedrà la speciale partecipazione dello chef Paolo Gramaglia stella Michelin, patron del ristorante “ President” di Pompei che in occasione del BaccalàFest ha messo a punto uno speciale menù per gli ospiti dell’evento a cui hanno aderito: Gianluca Eminente, Console dell’Islanda e titolare dell’azienda Unifrigo Gadus s.p.a una delle maggiori aziende importatrici di baccalà nel mondo, Toti Lange, Presidente dell’ “Accademia Baccalajuoli” , Tommaso Esposito, Vice presidente dell’ “Accademia Baccalajuoli” nonché giornalista enogastronomico e autore di pubblicazioni sull’argomento, ospiti del patron Nino De Filippo
patron del ristorante “Biancobaccalà”.

Di seguito il menù del BaccalàFest:
Entrèe:
Carpaccio di baccalà, lattuga di mare fritta, perle di lime e panna fermentata
------ § ------
Morbido di baccalà e uova di pesce volante, salsa di piselli con i suoi germogli e gamberi di nassa, polvere di aragosta
------- § ------
Gnocchi di limone, ventricelli di baccalà e cicorietta
------- § ------
Cubo di baccalà, coulis di pomodoro corbarino, sfere di peperoncino, sfere di pomodoro giallo e basilico ------- § ------
Semifreddo a limone in acqua di arance e mousse al baccalà, cristalli di zucchero
Il costo del menù è di 50,00 € a persona
N.B.
L’invito agli addetti alla comunicazione sarà valido il giorno 17 Aprile alle ore 20:00 e avrà in programma una visita allo stabilimento di “Bianco Baccalà” per illustrare le tecniche di lavorazione del baccalà e dello stoccafisso.
Il Ristorante Biancobaccalà: pietanze d’autore e di lunga tradizione.
Alle spalle del noto ristorante trova spazio il laboratorio dedicato alla lavorazione del baccalà che conta su una lunga tradizione che viene portata avanti dal lontano 1791.
Il ristorante ad oggi propone cucina improntata su uno degli ingredienti principali della cultura gastronomica
Napoletana che viene proposto in diversi modi, che siano fedeli alla tradizione o vengano rivisitati in chiave innovativa usando solo ingredienti di alta qualità.
La particolarità che rende unico Bianco Baccalà è senz’altro l’unione tra la fase di lavorazione e di degustazione.
La Buona Tavola,
Via G. Porzio, Centro Direzionale, Napoli,81042, Is. G1.scala D. Int. 65
Renato Rocco Direttore Responsabile Tel. 081 18701149 Cell. 3356555595 direzione@labuonatavola.org-



domenica 15 aprile 2018

ELES COUTURE FASHION EVENT 19 APRILE

Grace…la vie en chic”; questo il titolo del Fashion Event di Eles Couture in scena il prossimo 19 aprile all’Alma Flegrea di Napoli per presentare la newcollection Primavera Estate 2018. 
Grace Jones,  la “venere nera” dello show biz internazionale, icona della moda nel mondo, è dunque la musa ispiratrice di questa nuova, vincente stagione, di un brand di moda fondato da Ester Gatta appena tre anni fa magià in pole position anche nello spettacolo con larealizzazione di costumi di scena al femminile  sia per l’audiovisivo che per il teatro. In unsuggestivaambientazione curata da Barbara Coscetta (BombonFlower) e Sasà Giglio che richiama le romantiche stradine di Montmartre, il quartiere degli artisti della mitica Parigi, quasi a voler suggellare una sana e vincente contaminazione tra etnie diverse, la superba “Grace” 20 splendide mannequin sfileranno in passerella trenta abiti realizzati secondo i dettami  della tradizione della sartoria napoletana, nota in tutto il mondo, confezionati rigorosamente a mano avendo particolare cura delle rifiniture e della scelta di tessuti preziosi come lo chiffon, il mikado, il taffetà, la seta spesso accostati a pizzi macramè ed a ricami di paillettes e micro corallini. La palette di colori  gioca su nuance pastello che vanno dal rosa , al verde acqua per arrivare poi a tonalità più forti come il fuxia ed ai basici blu e total black sempre simbolo di un’eleganza sobria e raffinata. Specialguest della kermesse, ravvivata da performance musicali della band  “Eclissi di Soul”, volti noti dello Showbiz televisivo. A seguire dinner buffet curato da Paolo Tortora. Attesi centinaia di ospiti, esponenti del mondo dell’impresa e del professionismo campano.

 Maridì Communication : Maridì Vicedomini

Mob: 338/2259860  333 /9921506
Mail maridyvicedomini@gmail.com  
www.maridicommunication.it

venerdì 13 aprile 2018

OLTRE 800 INVITATI ALLO SPRING PARTY #3DMAGAZINE ORGANIZZATO E PROMOSSO DA 3D AGENCY OSPITE D’ONORE CARLA CAIAZZO




OLTRE 800 INVITATI ALLO SPRING PARTY #3DMAGAZINE ORGANIZZATO E PROMOSSO DA 3D AGENCY
OSPITE D’ONORE CARLA CAIAZZO
Sono stati oltre 800 gli invitati presenti allo spring party di #3D Magazine, ieri sera a Napoli, a Villa Lucrezio, organizzato e promosso da 3D Agency per la presentazione del numero 16 del trimestrale edito da Palma Sopito e diretto da Manuela Giuliano e Carmine Bonanni.
Imprenditori, giornalisti, artisti, hanno presenziato numerosi alla lettura delle 4 storie elaborate dalla redazione di #3D per lo Speciale Rinascita del magazine: Andrea Delogu, Sofia Ciriello, Daniela Lourdes Falanga e Carla Caiazzo. Storie meravigliose di donne rinate dopo la violenza e il sopruso subiti e valorizzate all’interno del periodico, ormai noto a tutti per la volontà di fare un altro genere di comunicazione, raccontando storie di persone normali che hanno fatto della loro vita qualcosa di straordinario.
Ospite d’onore è stata proprio Carla Caiazzo con il suo progetto #ioridoancora accompagnata da Mena Marano, Ad  Silvian Heach, Diana Palomba, Feminine Pluriele, Carmen Padula, Consigliere dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli, e Palma Sopito.
Ha condotto la serata sul palco Valeria Aiello.
Tra gli invitati Maria Caputo, presidente Giovani Commercialisti Napoli, il Maestro Chef Igles Corelli, Giacomo Luongo, chef executive di Villa Lucrezio, Gianluca D’Agostino, Stella Michelin del Veritas di Napoli, Luca Marfè, giornalista e photo reporter a New York, l’imprenditore Lucio Castaldo, Marco Scherillo e Davide Esposito, giovani industriali, Daniela Lourdes Falanga, Delegata alle politiche Trans presso Arcigay Napoli, Rosa Praticò, Presidente Associazione Officina delle idee, Nino Lettieri, stilista, Dario Fato, imprenditore, Alessandro Legora, stilista.
Tra la stampa Diego Paura, responsabile redazione Spettacoli de Il Roma e Valter De Maggio, direttore editoriale Radio Kiss Kiss Napoli.
Tra gli artisti, gli attori Giovanni Granatina, Salvatore Veneruso, Giulia Musciacco, Raffaele Imparato e ancora, Anna Capasso, Daniela De Vita, la scrittrice Francesca Scamarcio e i musicisti Claudio e Alessia Ciccone, protagonisti sul palco con Steve Norman degli Spandau Ballet.
Tanti gli chef che hanno omaggiato con una mostra di Food in chiave tutta partenopea, la filosofia della cucina circolare di Igles Corelli: Angelo Borghese, Faby Scarica, Alessandro Moraca, Giovanni Arvonio, Marco del Sorbo,  Carmine De Cristofaro, Massimiliano Malafronte.Diretta dal Dr.Davide Milone  
Presenti naturalmente i due protagonisti delle cover del numero #16 di #3dmagazine. Elena Aceto di Capriglia, contessa e presidente di Medspa, azienda cosmetica e nutraceutica, che si riconosce nei brand Miamo e Nutraiuvens e che sta rivoluzionando il mondo della farmacia. Giovanni Mario Sciorio, imprenditore e fondatore della Diesis Design azienda specializzata nella progettazione, ristrutturazione e realizzazione di case e uffici seguendo la linea dell’innovazione e del rispetto ambientale.


















Martedì 24 aprile ore 11.30, PAN PRESENTAZIONE DELL’UNDICESIMA EDIZIONE DI WINE&THECITY


 





NAPOLI - Martedì 24 aprilealle ore 11.30, il PAN - Palazzo delle Arti di Napoli ospita la presentazione stampa dell’Undicesima Edizione di Wine&Thecity la rassegna che dal 3 al 25 maggio 2018 mette in rete cento luoghi di Napoli in nome dell’ebbrezza creativa e di una nuova cultura del vinoIl gioco è iltema di questa edizione che per tre settimane propone incursioni d’arte per strada, live cooking, escursioni in mare, un inedito e appassionante urban game, performance, cene stellate e degustazioni di grandi etichette italiane nei luoghi più belli e insoliti della città. 

 

 

Wine&Thecity nasce da un’idea di Donatella Bernabò Silorata ed è un progetto indipendente dell’Associazione culturaleWine&Thecity realizzato con il fondamentale supporto di sponsor privati e mecenati. Con il patrocinio del Comune di Napoli e della Prima Municipalità Chiaia San Ferdinando. E con il patrocinio del Movimento Turismo del Vino Nazionale. Si ringraziano i mainpartner Aeroporto Internazionale di Napoli, Kimbo, Latte Berna, Pasta De Cecco, Sky ed i partner Arysta, Grimaldi Lines, Mazda, Molino Caputo. Radio ufficiale Kiss Kiss Italia.

 

www.wineandthecity.it

Ufficio stampa: dipuntostudio.it | 081 681505 

 

 

 

TEMPO DELLA BELLA STAGIONE ESTIVA CON FASHION EVENT CERRONE


“Tempo d’Estate”: questo il titolo del Fashion Eventche si terrà all’Atelier “Cerrone” nel cuore della città di Avellino domenica 15 aprile, ore 18,30, al fine di presentare la collezione Primavera Estate 2018 del Brand Cerrone. Un happening di alto profilo che vede in pole position rappresentare una magica fusione tra l’arte e la moda, intendendo quest’ultima come la forma più evoluta di espressione in continuo divenire. in tal senso,Tersige Cerrone, titolare del brand “Cerrone ha individuato come visual identitydell’evento un dipinto tratto dalla scenografia realizzata dall’artista Gennaro Gallifuoco per l’opera “L’Heure Espagnole” di Maurice Ravel, rappresentata all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Il mood del defilè sarà la “Rinascita” intesa come ritorno alla vita, come rinnovamento dell’essere in ogni sua forma, mentre il must della collezione è “il floreale” con una tavolozza colori che va dal rosa al celeste polvere. I tessuti utilizzati sono la seta, il mikado, il raso. Protagonista anche la pelliccia, con una preview della prossima stagione Autunno Inverno 2018/19, caratterizzata da un’originale mixage di materiali diversi quali il montone, il persiano, il visone. Annunciate grandi novità per l’azienda Cerrone quali il restyling del marchio e l’istituzione di una fidelity card al fine acquisire una clientela selezionata e particolarmente sensibile a tutte le fashion news

 

 

Maridì Communication : Maridì Vicedomini
Mob: 338/2259860  333 /9921506
Mail maridyvicedomini@gmail.com  
www.maridicommunication.it

lunedì 9 aprile 2018

Mammina va a Milano Il brand di ristorazione partenopeo apre nella città ambrosiana



Dal 22 marzo la buona cucina napoletana ha una nuova casa in terra lombarda. Mammina pizzeria e cucina genuina apre nel cuore di Milano: il brand di ristorazione partenopeo, nato nel 2014, sbarca nel centro della città ambrosiana, nella zona storica in cui sorge il monumentale Arco della Pace che dà inizio a corso Sempione. Mammina va a Milano per raccontare la tradizione gastronomica campana più autentica e lo fa con un locale accogliente, vero, senza falsi fronzoli. Uno spazio devoto alla cucina napoletana in cui è possibile scegliere se pranzare o cenare all'aperto grazie a un delizioso spazio esterno o nella sala interna in grado di ospitare fino a cento coperti. Il grande forno a legna, le sedute in legno dal sapore vintage, il marmo bianco e la juta connotano l'ambiente e rievocano lo stile delle classiche pizzerie napoletane, mentre materiali semplici come il ferro, il legno e il rame concorrono ad un design essenziale. Il progetto, firmato dall’Architetto Frine Carotenuto, conferma l'immagine di solidità, semplicità e coesione che caratterizza il brand e il ristorante di Napoli. A Milano, come a Napoli, un'ampia parete accoglie la vasta enoteca del locale con bottiglie in bella mostra e le foto artistiche in bianco e nero degli chef stellati più apprezzati del momento.

La filosofia in cucina

Mammina tutela i prodotti della cultura e tradizione campana e le piccole produzioni di qualità. La cucina di Mammina è la cucina di casa, un posto in cui trovare sapori autentici della storia culinaria napoletana, presidi Slow Food, prodotti dop, igp, doc e igt e i metodi di preparazione familiari. Il menu è manifesto di ingredienti, sapori e odori di un territorio, il racconto di chi cucina con il cuore e si fa conoscere attraverso i propri piatti. Si comincia dalle glorie della cucina partenopea come la parmigiana di melenzane e le polpette al ragù, realizzate secondo la classica ricetta con pane raffermo, e si chiude con una selezione di pizze dove si gioca con creatività e maestria mescolando tradizione, qualità e gusto. Materie prime del territorio regionale italiano (provola di Agerola, prosciutto crudo di Parma e cacio-ricotta cilentana) e modalità classiche di preparazione dell'impasto rendono le pizze un racconto del gusto italiano in generale e napoletano in particolare. Non a caso a chiudere il menù pizzeria, Mammina propone la famosa pizza fritta con ricotta di bufala dop, cicoli napoletani e pepe. Le pagine centrali del menù presentano prodotti e piatti di altissima qualità: pesce fresco, pasta fatta in casa e carne controllata e certificata.Una cucina genuina e attenta in cui sono presenti prodotti biologici o da commercio equo solidale al fine di sostenere un nuovo concept di business più corretto, solidale ed etico. Mammina è un luogo carico di profumi di un tempo con piatti preparati come farebbe una mamma: con amore, attenzione e tanto gusto.

 

La storia

Mammina pizzeria e cucina genuina nasce dall'amore di due donne napoletane per il cibo. Giuseppina Mirabella e Assuntina Campanile, due giovani sarte,  lavoravano nella sartoria in via Partenope 15 a Napoli e tra un ricamo e un punto a giorno si raccontavano ricette, parlavano di sapori, di odori e il mare era a pochi passi  in ascolto. Un racconto infinito che decisero di concludere nel più avvincente dei modi: rilevando la sartoria e rendendola un'autentica trattoria pizzeria. Trasformarono la loro favola in una realtà buonissima e la loro passione comune in un mestiere.

 

Mammina Milano

Via Piermarini, 2( zona corso Sempione / Arco della Pace )

20145 - Milano

www.mammina.com

 

Ufficio stampa >Dipunto studio 

Tel. 081 681505

www.dipuntostudio.it

 

Ufficio stampa:  dipuntostudio

www.dipuntostudio.it

via Crispi, 116 - Napoli

Tel. 081 681505